Gruppo IMQ

Telepedaggio

Direttiva 2004/52/CE

La direttiva 2004/52/CE e la connessa decisione 2009/750/CE si propongono di realizzare l’interoperabilità di tutti i sistemi di telepedaggio stradale nell’Unione europea al fine di evitare la proliferazione di sistemi incompatibili che possano compromettere sia l’armonioso funzionamento del mercato interno sia il conseguimento degli obiettivi della politica dei trasporti.
La direttiva, pertanto, prevede l’istituzione del servizio europeo di telepedaggio (SET), che si estende a tutte le reti stradali e le (infra)strutture a pedaggio dell’Unione nelle quali l’uso delle stesse è confermato per via elettronica tramite un’apparecchiatura di bordo, e definisce le soluzioni tecnologiche consentite per effettuare le operazioni di pagamento elettronico dei pedaggi, vale a dire tecnologia a microonde a 5,8 GHz e sistema di localizzazione satellitare associato ad un sistema di comunicazioni mobili. Il SET consentirà agli utenti della strada di pagare facilmente i pedaggi dovuti su ogni strada o (infra)struttura dell’Unione stipulando un unico contratto di abbonamento con un fornitore del SET e utilizzando un’unica apparecchiatura di bordo. Ciascun fornitore del SET dovrà realizzare la piena copertura dei settori del SET entro un periodo di transizione di 24 mesi dopo essersi registrato.
La direttiva non ha istituito il SET in quanto tale, ma ha fornito il quadro per la sua definizione. La decisione 2009/750/CE della Commissione ha poi definito il SET, tra l’altro attraverso la fissazione dei requisiti essenziali dell’interoperabilità, così come degli aspetti procedurali, contrattuali e legali connessi alla fornitura del SET. La decisione della Commissione stabilisce diritti ed obblighi per i fornitori del SET, gli esattori di pedaggi e gli utenti del SET.

 

Download

 

 ico_regolamentiVai al Regolamento

 


 

Per richiedere preventivi, certificazioni e maggiori informazioni

CONTATTACI